Moderazione e frugalità dell’imperatore Antonio Pio

Antonio Pio governò i popoli a lui soggetti con tanto zelo da curar ogni cosa e tutti come se fossero suoi. Le provincie sotto di lui fiorirono tutte, i delatori furono uccisi, la confisca dei beni fu più rara che mai. Non decise alcuna cosa sulle Provincie né alcuna operazione senza averne prima riferito agli amici anzi dispose le deliberazioni secondo il loro parere. Il suo tenore di vita fu tale che ci fosse ricchezza senza sperpero parsimonia senza avarizia né, creato imperatore, cambiò completamente nulla sulla qualità della vita privata. Spesso fu visto dagli amici che amministrava con abiti privati anche certe cose di vita familiare. A molti tolse tanto gli stpendi quanto vedeva molti fannulloni prenderli, dicendo che non ci fosse niente di più squallido, anzi di più insensibile del fatto che rodesse lo Stato uno che non giovasse niente ad esso col suo lavoro. Lasciò il patrimonio familiare alla figlia, ma donò allo Stato i suoi proventi; ornamenti nelle stagioni dell’anno. Non compì delle imprese nelle provincie, dicendo ai provinciali che fossero gravose del seguito dell’imperatore, anzi moderatissimi. E tuttavia fu di grande autorità presso tutte le nazioni, poiché voleva restare per questa ragione a Roma, affinchè potesse celermente ricevere gli ambasciatori da ogni parte.
About these ads
Questa voce è stata pubblicata in Latino. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...